Home » Servizi » Servizi di Ingegneria » Ricerca & Sviluppo

Ricerca & Sviluppo

SIMAM è iscritta nell’Albo dei Laboratori di Ricerca istituito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, di cui all’Art. 14, Commi 9-15 del D.M. n. 593 dell’8 Agosto 2000. 

 

L'Unità Ricerca e Sviluppo di SIMAM studia tecnologie alternative per il trattamento acque, trattamento di rifiuti e per la generazione di energia da fonti rinnovabili.

 

Le attività sperimentali sono rivolte a: 

 

  • Individuare modalità di trattamento affidabili nei confronti di tipologie di rifiuti ancora scarsamente referenziate nella letteratura tecnica del settore.

 

  • Sviluppare e ottimizzare processi di trattamento eco-innovativi che, oltre a garantire un’elevata protezione delle matrici ambientali, diano la possibilità di trattare in loco rifiuti liquidi, al momento inviati a smaltimento presso impianti autorizzati, attraverso la produzione di sottoprodotti ad apprezzabile valore commerciale, rendendo così possibile anche il riutilizzo spinto del rifiuto. L'innovazione tecnologica di processo è destinata a incrementare l'efficacia e l'efficienza degli impianti, migliorandone il grado di compatibilità ambientale dei processi produttivi.

 

L'innovazione tecnologica di processo è destinata a incrementare l'efficacia e l'efficienza degli impianti, migliorando il grado di compatibilità ambientale dei processi produttivi.

 

Alcuni progetti di ricerca avviati da Simam:



Generator - Lampione per generare energia elettrica con fonte eolica e fotovoltaica ad elevata diffusività applicativa

 

Il Progetto è finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito di Industria 2015, Bando Efficienza Energetica. I partner sono: SCE Srl, AMRE Srl, SGM Srl, Università Politecnica delle Marche, Università di Bologna DIEM, Enea di Faenza.  Obiettivi: realizzazione di un generatore elettrico a turbina verticale coassiale eolica, ecocompatibile, integrato con un’unità fotovoltaica ad alta efficienza, è in fase di completamento.

 

 

Impianto pilota per il trattamento del percolato di discarica

 

Il Progetto è autofinanziato. L’obiettivo della ricerca, svolta presso una Discarica per RSU, consiste nel definire un processo di trattamento del percolato di discarica, finalizzato ad evitarne lo smaltimento in impianti di trattamento esterni alla discarica stessa, attraverso lo scarico in acque superficiali dello stesso e il riciclo della quota di saldo nel corpo discarica.

 

 

Enerclean - Idrogeno dalla combustione dell’alluminio

 

Il Progetto, rientra tra i finanziabili dal Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito di Industria 2015, Made in Italy. I partner sono: Busi Spa, Saiet Spa, Comar Srl, Sestante Srl, Isa Srl, Università di Modena e reggio Emilia Dipartimento DISMI, Università di Bologna Dipartimento DEIS, Università di Brescia Dipartimento DIMI, Inamoter-CNR. Obiettivi: sviluppo di un sistema energetico, fondato sull’utilizzo dei prodotti e sottoprodotti della combustione di un combustibile solido in ambiente saturo d’acqua, che risulti potenzialmente in grado di realizzare la generazione integrata e simultanea di quattro fonti energetiche secondarie, dando luogo a una applicazione classificabile come Combined Heat Hydrogen Steam and Power (CHHSP) completamente ecosostenibile.

 

 

Progettazione e realizzazione di unità package per il trattamento delle acque mediante processi di filtrazione su membrane

 

Il Progetto di ricerca è autofinanziato e ha lo scopo di costruire un impianto pilota MBR con una potenzialità massima di 3 m3/h e di condurre delle indagini sperimentali per valutarne l'applicabilità e l'efficiacia nel trattamento di reflui industriali.


Pagina caricata in: 0.055 secondi
Powered by Simplit CMS